Questo Sito si avvale di servizi esterni che utilizzano i cookies. Proseguendo la navigazione, accetti tali condizioni.
Puzzle Catania - Cultura

TRA LE FILASTROCCHE PIU' DIFFUSE...


Amici mei carissimi,
scusati l'imprudenza
li tempi sunu tristi:
non si fa cchiù crirenza.
Picchì 'ppi fari creditu
a 'n cettu amicu miu,
pessi l'amicu, i picciuli...
e a pugna ni finiu!

Amici miei carissimi,
scusate l'imprudenza,
i tempi sono duri:
non si fa più credito.
Perchè per far credito
ad un certo mio amico,
ho perduto l'amico, i soldi ...
ed è finita a pugni!
Lo si leggeva in certi negozi. Ma... nisba!

Aranciu, aranciu...
aspetta ca ti mangiu..!
- Mu runi annicchia?
- No, ca ti casca aricchia!
- Ma runi na fedda?
- No, ca ti casca a cedda!
- Non mi ni voi rari?
Cacaredda t'ha fari..!

Arancio, arancio...
aspetta che ti mangio!
- Me ne dai un poco?
- No, che ti cade l'orecchio!
- Me ne dai una fetta?
- No, che ti cade il pene!
- Non me ne vuoi dare?
La diarrea ti deve causare!
Che fosse un piazzista di Bimixin e similari?

Me nanna fici u maccu
e a mia non mi 'ni resi,
'dda vecchia di me nanna
chi colira ca mi resi.
Me nanna mi mannau
'accattari l' ogghiu,
ma pessi lu stuppagghiu:
Ora ma tagghiu...
e c'ha mettu 'ppi stuppagghiu

Mia nonna ha fatto il purè di fave
 e a me non ne ha dato,
quella vecchiaccia di mia nonna
che dispiacere che mi ha dato!
Mia nonna mi mandò
a comprare l' olio,
ma perdetti il tappo:
ora me lo taglio
e lo uso per tappo!

Voi scanna voi,
ti mangiasti menzu voi,
a mia non mi 'nni rasti
e tutti i causi ti cacasti

Bue scanna bue,
hai mangiato mezzo bue,
a me non ne hai dato
e i pantaloni ti sei cagato

Cu ittau 'n piriteddu,
'ppi l' ammuzza 'do vicchiareddu?
Fu fu fu, lu cajordu ca fusti tu

Chi fece una scorreggina
per l' anima del vecchietto?
Fu fu fu, lo sporcaccione fosti tu

Me maritu cascau 'ddo lettu,
si rumpiu a tavula 'o pettu,
u puttanu 'o spitalettu,
u spitalettu era chiusu
u ficcanu intra 'n puttusu,
'nto puttusu non ci capeva,
u puttanu 'nta za Cammela
a za Cammela era malata,
ci chiantanu na tumpulata
c'ha chiantanu fotti fotti,
ci durau finu alli Motti

Mio marito è caduto dal letto
e si è rotto le costole,
lo hanno portato all' ospedaletto
ma l'ospedaletto era chiuso
e lo hanno ficcato dentro un buco,
ma nel buco non ci entrava,
lo hanno portato dalla zia Carmela,
la zia Carmela era ammalata
e gli hanno dato (al marito) un ceffone,
glielo hanno dato così forte,
che gli è durato fino al giorno dei Morti

Dumani mi susu 'i matinu,
rapu a potta 'do giaddinu,
mi n'acchiannu chianu chianu
ammucciuni 'do saristanu,
attruvai 'na cuppulidda,
era fatta di Rusidda:
quannu mi l' haia mettiri?
Quannu mi fazzu zita!
Zita 'cu lu velu,
mi n'acchianu 'n celu,
'n celu ci su i banneri,
bongionnu cavaleri.
Passa la zita,
cu lu cappeddu 'i sita,
passa lu cavaleri,
ca pari 'n dumanneri!
Fu, chi fetu ca fa:
jetta 'n piritu e si 'ni va..!

Domani mi alzo di buon mattino,
apro la porta del giardino
e salgo piano piano
di nascosto del sagrestano.
Ho trovato un copricapo,
cucito da Rosina:
quando lo metterò?
Quando mi sposerò!
Mi sposerò col velo
e salirò in cielo.
In cielo ci sono le bandiere:
buongiorno cavaliere.
Passa la sposa
con il cappello di seta,
passa il cavaliere
che sembra un mendicante.
Fu, che puzza che fa:
fa una scorreggia e se ne va.
Fu, oltre ad indicare in catanese il Passato Prossimo (e non quello Remoto) del verbo essere,
è una particella usata per esprimere ripugnanza, nel nostro caso per la puzza della scorreggia.

Sapiti chi successi alla Barrera?
Un poccu assicutau 'na cammarera!
A cammarera si vutò accussì arraggiata
e c'un muzzucuni ci scippau a suppizzata!

Sapete cos' è accaduto alla Barriera?
Un maiale ha inseguito una cameriera.
La cameriera si è girata così arrabbiata
e con un morso gli ha strappato la soppressata!
Barriera è l' abbreviazione di Barriera del Bosco, un delizioso e grande quartiere di Catania.
Il morso alla soppressata è una chiara allusione all'organo genitale del maiale..!

Sutta l' Acchi da Marina,
sciddicau 'na signurina,
sciddicau 'cche jammi apetti
e si ci visti u trentasetti.
E passau 'n picciriddu,
ca ci visti u puttusiddu
e passau unu cchiu ranni
e 'cciù 'n tuppau 'ccu 'n quatt' i canni..!

Sotto gli Archi della Marina,
scivolò una signorina,
scivolò a gambe aperte
e le si vide il trentasette.
Passò un bambino
che le vide il buchino,
passò uno più grande
e glielo turò con un quarto di carne!
Il 37 della filastrocca non è il numero di un autobus di linea ma allude ai genitali femminili.
Riguardo il quarto di carne, lascio immaginare al visitatore (comunque non si trattava di un macellaio!)

Pilu Russu e Pilu Jancu,
si 'nni jenu a Musterijancu.
Pilu Russu sciddicau,
Pilu Jancu si 'n acchianau.
Si 'n acchianau supir' e casi,
viva u pezzu di vastasi!

Pelo Rosso e Pelo Bianco,
sono andati a Misterbianco.
Pelo Rosso è scivolato
e Pelo Bianco se n'è salito.
E' salito sopra le case.
Evviva il maleducato!
E' evidente il nonsense della filastrocca, ma si tratta pur sempre di giochi di bambini...

Quannu nascisti tu, facci di signa,
'na la to casa s' ammazzanu a pugna,
a cu c' acchiappau a sgabbia, a cui 'a rugna
e a to patri 'c' un cazzottu 
ci rumpenu a tigna!

Quando sei nato tu, faccia da scimmia,
a casa tua si presero a pugni.
Chi prese la scabbia, chi la rogna
e a tuo padre con un cazzotto 
gli ruppero la testa.
In effetti a Catania con 'tigna' si indica una testa pelata (unu tignusu).

C'era 'na picciuttedda ca lavava,
ci sciddicau u peri 'dda banchina.
Su non era 'pi Ninuzzu ca a pigghiava,
cascava a 'mmenz' o mari e s'annijava!
A' mmenz' o mari c'era 'n tavulinu,
'ccu tririci suddati e 'n capitanu
mannatici 'na littra a Lucianu,
ca Marietta non si marita cchiù..!

C'era una giovinetta che lavava
e le scivolò il piede dal marciapiede.
Se non era per Ninuzzo che l'afferrava,
cadeva in mare ed annegava.
In mezzo al mare c'era un tavolino
con tredici soldati e un capitano.
Mandate una lettera a Luciano,
perchè Marietta non si sposa più. 
Tra tutte le filastrocche ascoltate da bambino, questa rimane per me la più enigmatica...

Sutt' o lettu da za Cicca,
c'è 'na jatta sicca sicca:
cu para prima sa 'o 'llicca!

Sotto il letto della zia Francesca,
c'è una gatta magra magra:
chi parla per primo se la lecca! 
Ho eseguito una traduzione alla lettera ma, nella filastrocca,'sicca sicca' indica un gatto morto e disidratato..!
Puzzle- Catania & Dintorni
© 2005, 2018 by Enzo De Cervo