Questo Sito si avvale di servizi esterni che utilizzano i cookies. Proseguendo la navigazione, accetti tali condizioni.
Puzzle Catania - Domenico Tempio
I contenuti di questa pagina, potrebbero ledere la tua suscettibilità
Cliccando su OK, ne accetti consapevolmente la visualizzazione
In caso contrario, torna indietro o chiudi la pagina

Domenico Tempio (Catania, 22 agosto 1750 - Catania, 4 febbraio 1821) è stato un poeta italiano. Accanto a Giovanni Meli, fu il maggiore poeta siciliano del suo tempo. Non si hanno molte notizie biografiche su Domenico Tempio, noto anche come Micio Tempio.

Figlio di un mercante di legna, Tempio fu avviato alla carriera ecclesiastica prima e alla giurisprudenza poi: fallì in entrambi i casi e decise così di dedicarsi agli studi umanistici. Studioso sia degli autori classici che dei suoi contemporanei, Tempio iniziò presto a scrivere in versi e acquistò fama di buon poeta. Fu accolto nell'Accademia dei Palladii e nel salotto letterario del mecenate Ignazio Paternò principe di Biscari.

Sposò Francesca Longo, che morì di parto. La figlia fu così accudita da una balia, la gnura Caterina, che diventò la sua compagna fedele e gli diede un altro figlio. Fu nominato notaio del casale di Valcorrente (nei pressi dell'odierna Belpasso), ottenne una pensione sul Monte di pietà e sulla Mensa vescovile e un sussidio dal Comune di Catania fino alla sua morte.

E' considerato il maggiore poeta riformatore siciliano, però fu conosciuto e apprezzato dai contemporanei e presto dimenticato: per tutto il XIX secolo fu censurato e bollato come poeta pornografico, prendendo spunto solo da una parte dei suoi componimenti.
Dopo la seconda guerra mondiale si rivalutò la sua opera.

Tempio è ora considerato un poeta libero che usa tutti i suoi mezzi per smascherare le falsità e gli inganni della società. Le sue opere spaziano dall'esaltazione dell'operosità dell'uomo alla critica alla Chiesa, dalla contemplazione della natura alla critica dell'ignoranza.
La sua stessa Sicilia è vista rivalutata da un realismo che spazza via il mito di una società pura e incontaminata. In alcune opere anticipa ampiamente il movimento verista che si sarebbe affermato solo quarant'anni dopo la sua morte. (Fonte: WIKIPEDIA)

MICIO TEMPIO, VISTO DAI CATANESI

Dopo la dovuta presentazione, è doveroso precisare come Micio Tempio sia ben più noto ai catanesi quale insuperabile autore di opere scurrili, per cui ci limiteremo a mettere in rilievo, oltre ad una delle sue poesie più famose, gli aneddoti divertenti, tramandati da generazione in generazione e quasi tutti frutto della fantasia alimentata dall'amore e dal rispetto che i catanesi nutrono, per colui che, assieme al palermitano Giovanni Meli, fu il più grande Poeta siciliano di quei tempi..!

LA PRIMA SIRA

Versi di Domenico Tempio

- Ora ca semu suli
ni divirtemu, o Nici,
truvari non putemu
mumenti chiù filici

M'arrozzulu a spugghiari
li robbi, sauta jettu,
eccu ca sugnu lestu,
mi ficcu ntra lu lettu.

Ma tu non m'arrispunni,
mi fai l'addurmisciuta,
risbigghiati, curuzzu,
facemu na futtuta.

- Ivih! chi granni chiacchira
vi vinni sta nuttata!
Durmemu, cuitativi,
già m'ava appinnicata.

- Di dormiri tu parri?
Stasira? La sgarrasti.
Chi dormiri... chi dici?
Finemu sti cuntrasti.

Lassa ca cu sti manu
li minni t'affirrassi
e li capicchi amabili
la vucca mia sucassi.

- Figghioli, chi brivogna!
M'affruntu, in viritati,
calativi sti manu,
lu pettu non tuccati.

- Tuccannu sti minnuzzi,
sta minchia mia s'arritta.
Dammi la manu, o Nici,
vidi com'è a l'additta?

- Ivih! chi cosa longa!
Chi è sta cosa tisa?
- Votati a gammi all'aria
isati la cammisa.

Chissa nta lu to sticchiu
iu l'avirrò a ficcari.
- Chi sù sti parulazzi?
Sapiti ben parrari.

- E vaja cu st'affruntu,
non fari la minchiuna,
ficcata la vurrissi,
cu tutti li cugghiuna.

- Non chiù, pri caritati!
Chi cosa v'affirrau?
- Cazzissimu! chi stizza!
To matri 'un ti parrau?
- Me matri 'un dissi autru:
Figghia, non t'affruntari,
e zoccu ti dicissi
tu mai divi niari.

- Sti chiacchiri lassamu,
ca chiù non pozzu stari.
Grapi li cosci, allentati,
mi sentu siddiari.

- Gnurnò, non vi siddiati,
scantari mi faciti,
li cosci vi li grapu,
fazzu zoccu diciti.

- Chiddu chi a tia iu fazzu
ora lu vidirai.
Chi gustu dilicatu,
o Nici, pruvirai!

- Di supra m'acchianastivu.
Vivih quantu pisati!
Chi è sta cosa dura
ca ccà m'appuntiddati?

Matruzza mia, unni siti,
pirchì non m'aiutati,
di sutta stu maceddu
pirchì non mi livati?

- Strinciti li dintuzzi,
tanticchia di pacenza,
non ti la ficcu tutta
ma sulamenti menza.

- E comu tutta chista
vuliti ccà 'nficcari
ntra un purtusiddu nicu
ch'è quantu un ghiditali?

- Ora ti fazzu vidiri
si tutta 'un ti la trasu,
cu quattru botti fermi
vidi comu la 'ncasu.

- Chi siti nfuriatu,
chi scossi chi mi dati
ahi! curuzzu miu,
ssi pila mi tirati...

Vivih! comu mi trasi,
china di sangu sugnu!
Livativi di supra
ca tuttu vi sgranfugnu!

- Vaja, ca chiù di menza
ti n'haiu già nficcatu,
già ti cumincia a piaciri,
mumentu furtunatu.
Vasami nta la vucca
ca già staju ittannu...
lu sticchiu ncugna a mia,
a vammi cazziannu...

- Chi è sta cosa cauda
ca tutta m'arricriati?
Mi piaci picca picca,
faciti, sicutati...

- Non ti lu dissi, o Nici,
ca piaciri t'avria?
Vidi sidd'è minsogna
chiddu ca ti dicia.

- Ma vui pirchì allintati?
Chiù forza non aviti?
Vaja, n'autru tanticchia
chiù dintra la trasiti.

- Dimmi la viritati:
è gustu dilicatu?
Forza, curuzzu miu,
m'inforza già lu ciatu.

- A dirivi lu veru,
di novu lu faria,
pirchì chiu soddisfatta
allura ristiria.

- Ed iu pri cuntintariti
di novu ti la inficcu
pirchì di stu negoziu
ni sugnu veru liccu.

- Li ciati già s'avanzanu,
curcativi nfurzati,
mi sentu iri in estasi
mentri chi vui cazziati.

Non chiù? ci ripusamu?...
Chi gustu dilicatu!
Ma tantu sudisfatta
non haiu già ristatu.

Di novu lu faria,
si vui ci accunsintiti.
Ficcatammila prestu,
chiù tempu non pirditi.

- Ed iu pri cuntintariti
di novu ti la chiantu.
Te ccà sti dui minchiati
e sazziati frattantu.

A chiddu ca ora viju
nni si troppu guluta.
E dillu ch'arraggiavi
pri essiri futtuta. 

Micio Tempio

Si narra che, Micio Tempio fosse un superdotato e le storielle create su di lui, ruotano attorno a tale tema. Ma è anche vero che, lui stesso, commentava come fosse riuscito a fabbricare un palazzo..! 'C'un pilu do me cazzu, fici stu palazzu'


E si racconta che avesse un negozio di bottoni, alcuni realizzati da egli stesso, per cui stava quasi sempre nel retrobottega. Al banco, c'era la sua bellissima moglie. Un giorno, entra nel negozio un uomo, a modo suo superdotato e, volendo fare delle avances sconce alla bella donna, le mostra la cintura dei pantaloni, da dove fa capolino la punta del pene e le chiede: 'Signora, ha bottoni come questo?'

La donna, senza scomporsi, va nel retrobottega: 'Micio, di là c'è uno che ti cerca.'

Micio passa e chiede all'uomo di cosa avesse bisogno. E l'uomo, ancora più spavaldo, ripete la richiesta. Al che, Micio Tempio, allargandosi il colletto della camicia gli fa: 'Perchè, non le piace come questo?'


Un giorno il grande Micio, decise di aprire una farmacia a Londra. Purtroppo non conosceva una parola d'inglese ma, da buon catanese, non si perse d'animo. Entrarono 3 marinai che avevano bisogno di profilattici, ma Micio non comprese una sillaba: Non ho capito niente! Cos'è che volete?

Uno dei marinai, ripetette inutilmente la richiesta: Micio non riusciva nemmeno a sospettare cosa volessero.
Ecco che i marinai ebbero un lampo di genio. Misero il pene sul bancone, vi posero una moneta davanti e sorridendo a Micio dissero: 'Okay?'

A Micio non gli sembrò vero di aver finalmente capito! 'Ahhh! Ora capisciu..! e scaraventando il suo membro sul bancone, tirò via felice le monete, dichiarando con orgoglio : 'Il Banco vince!'


Puzzle- Catania & Dintorni
© 2005, 2018 by Enzo De Cervo